EU stress. La psicologia per risalire. - "Crescere resilienti". Incontro di psicologia dello sviluppo all’Aterno-Manthoné.
 
Stai leggendo il giornale digitale di Istituto Tecnico Statale "Aterno-Manthonè" su
Clicca qui per leggere il giornale di un altro Istituto.

EU stress. La psicologia per risalire.

"Crescere resilienti". Incontro di psicologia dello sviluppo all’Aterno-Manthoné.

Due settimane fa, un lunedì mattina, abbiamo trascorso due ore in compagnia di una psicologa che ci ha proposto diversi test a risposta multipla su come ci muoviamo all’interno del gruppo dei pari, quanto di noi affidiamo ad esso, domande sul concetto di rispetto, sia degli altri, sia delle regole scolastiche e, in ultimo, sul nostro stato d’animo, su quanto sia mutevole, controllabile, imprevedibile.

Un tempo dedicato a riflessioni importanti, che mi hanno divertita e poi lasciata pensierosa. Quanto poco conosco di me? Quanti mutamenti continui nelle percezioni, nel punto di vista, nella gerarchia delle priorità.

 La settima dopo, essendo stata scelta come peer tutor di classe, sono andata al Convegno organizzato nella mia scuola dalla U.O.C. di Neuropsichiatria Infantile di Pescara, dal titolo Crescere resilienti. Avevo ancora la testa a quell’attività diversa svolta in classe, ancora nella testa quelle domande che hanno solleticato riflessioni sulle esigenze e condizioni di noi adolescenti che, pigramente, trascuriamo e che non utilizziamo per caratterizzarci e pretendere attenzione, ma solo per sentirci fragili.

Ho ascoltato parole che andrebbero memorizzate e tramandate sempre per sollevare l’animo. Ho promesso a me stessa che da oggi il mio primo obiettivo sarà la mia salute mentale; perché salute non è solo assenza di malattia, ma molto di più. La salute è un buon aspetto fisiologico dell’organismo insieme alla salute della mente. Nello stato di salute, l’uomo coltiva interessi (scuola lavoro, sport) e ha sempre fiducia in se stesso.

Tutto questo non esiste in me; il mio è un momento di disagio e molti sono i sintomi che manifestano quelli che il dott. ha definito gli «avvitamenti dei nodi del tempo».  Questi nodi sono le brutte esperienze che ci danno la vulnerabilità e che ci fanno diventare fragili nel corpo e nella mente, che fanno diventare gli ambienti dei non luoghi. Arrivano, così, i fattori di rischio che ci allontanano dallo studio, dal dialogo e che fanno dilagare i disturbi mentali e gli atteggiamenti provocatori.

Chi se ne accorge, chi ci domanda «che succede?», diventa il fattore di protezione. Quando ci si imbatte in più fattori protettivi, questi interagiscono, prevengono e limitano i disturbi dei giovani, avvicinandosi a noi, parlando con noi, accogliendoci nei loro pensieri e nelle loro premure.

Ho sentito parlare di resilienza e soprattutto di «resilienza comunitaria», come potrebbe avvenire in classe, a scuola… beh, a me, per un giorno, due settimane fa è successo!

di Redazione Istituto Tecnico Statale "Aterno-Manthonè"


Condividi questo articolo





edit

Scrivi su Scuolalocale clear remove

Scrivi un articolo e invialo alla redazione di un Istituto
account_circle
email
local_phone
pin_drop
Seleziona la redazione del tuo Istituto o quella alla quale vuoi inviare il tuo articolo

edit
mode_edit
Foto attach_file
Indietro
thumb_up

Il tuo articolo è stato inviato alla redazione da te indicata!

Attendi una loro risposta, grazie!

doneChiudi
Racconta la tua esperienza Scuola-Lavoro!
Inserisci i tuoi dati, seleziona il progetto di alternanza e racconta l'esperienza; la redazione di Scuolalocale del tuo Istituto riceverà queste informazioni e le pubblicherà su Scuolalocale.
account_circle
email
local_phone
pin_drop
Seleziona la redazione del tuo Istituto o quella alla quale vuoi inviare il tuo articolo
Seleziona il progetto che vuoi raccontare, non c'è? Chiedi subito al tuo tutor aziendale di inserirlo!
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
Foto attach_file
Indietro
thumb_up

Il tuo articolo è stato inviato alla redazione da te indicata!

Attendi una loro risposta, grazie!

Invia la tua Idea clear remove

Descrivi la tua idea e inviala a Scuolalocale.
account_circle
pin_drop
Seleziona il tuo Istituto

Seleziona l'ambito della tua idea

mode_edit

thumb_up

La tua idea è stato inviata a Scuolalocale!

Grazie!

doneChiudi
Chiudi
Chiudi