LA PFW Apre la settimana della moda Dior - Dior debutta sulle passerelle francesi attraverso l’incontro tra moda e cultura
 
    Stai leggendo il giornale digitale di IIS "L. da Penne - M. dei Fiori" su
    Clicca qui per leggere il giornale di un altro Istituto.

    LA PFW Apre la settimana della moda Dior

    Dior debutta sulle passerelle francesi attraverso l’incontro tra moda e cultura

    27 Febbraio 2018 - Si è giunti anche quest'anno alla tanto attesa settimana della moda. Per l'occasione la Ville Lumiere fa da scenario per le maison francesi più importanti, diventando in tal modo il fulcro espressivo della società parigina, in cui la moda è percepita come imitazione di un modello dato e come strumento che appaga il bisogno di diversità, la tendenza alla differenziazione, al cambiamento, al distinguersi. 

    La settimana della moda francese si è aperta con la sfilata di casa Dior che ha voluto proporre, anche per questa collezione, un messaggio forte e chiaro, riuscendo a reinventare una moda che riesca a sensibilizzare i giovani d'oggi su temi molto importanti come ad esempio la libertà, la parità di sesso e di razza.

    Di fronte alla boutique di Dior un gruppo di giovani donne protestava recriminando la possibilità di avere un tipo di abbigliamento che fosse più consono al mutamento dei tempi e al fenomeno del cambiamento. Partendo da questo tipo di evento, prende spunto Maria Grazia Chiuri, direttrice artistica e creativa di Dior.

    "Sono passati 50 anni dal ’68. Mi è sembrato giusto tornare a quel periodo per molti motivi. Innanzitutto perché fu un periodo di cambiamento, esattamente come quello che stiamo vivendo oggi. Marc Boham, allora direttore creativo di Dior, capì che si doveva uscire dall’atelier, fare moda pronta ad incontrare le richieste di un mondo completamente cambiato. Ho preso l’immaginario estetico di quel periodo, il suo significato dirompente e l’ho trasportato in questo presente di altrettanti grandi cambiamenti. La moda, gli stilisti stanno tutti cambiando il loro punto di vista. Alle nuove generazioni dobbiamo fornire una moda che sia strumento di espressione della propria individualità e dei propri valori.

    Ecco, col mio percorso da Dior io sto proprio inseguendo questo valore”. Anche quest'ultima collezione, la cui sfilata si è tenuta presso il Museo Rodin, ha risposto ad un messaggio femminista il cui filone tematico è già stato espresso dalla prestigiosa casa di moda lo scorso anno con lo slogan "We Should All Be Feminist".


    Parole chiave:

    moda

    Condividi questo articolo





    edit

    Scrivi su Scuolalocale clear remove

    Scrivi un articolo e invialo alla redazione di un Istituto
    account_circle
    email
    local_phone
    pin_drop
    Seleziona la redazione del tuo Istituto o quella alla quale vuoi inviare il tuo articolo

    edit
    mode_edit
    Foto attach_file
    Indietro
    thumb_up

    Il tuo articolo è stato inviato alla redazione da te indicata!

    Attendi una loro risposta, grazie!

    doneChiudi
    Racconta la tua esperienza Scuola-Lavoro!
    Inserisci i tuoi dati, seleziona il progetto di alternanza e racconta l'esperienza; la redazione di Scuolalocale del tuo Istituto riceverà queste informazioni e le pubblicherà su Scuolalocale.
    account_circle
    email
    local_phone
    pin_drop
    Seleziona la redazione del tuo Istituto o quella alla quale vuoi inviare il tuo articolo
    Seleziona il progetto che vuoi raccontare, non c'è? Chiedi subito al tuo tutor aziendale di inserirlo!
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    Foto attach_file
    Indietro
    thumb_up

    Il tuo articolo è stato inviato alla redazione da te indicata!

    Attendi una loro risposta, grazie!

    Invia la tua Idea clear remove

    Descrivi la tua idea e inviala a Scuolalocale.
    account_circle
    pin_drop
    Seleziona il tuo Istituto

    Seleziona l'ambito della tua idea

    mode_edit

    thumb_up

    La tua idea è stato inviata a Scuolalocale!

    Grazie!

    doneChiudi
    Chiudi
    Chiudi