INTERVISTA ALLA DIRETTRICE DEL MUSEO DI PENNE - Nascita ed evoluzione del Musap
 
Stai leggendo il giornale digitale di IIS "L. da Penne - M. dei Fiori" su
Clicca qui per leggere il giornale di un altro Istituto.

INTERVISTA ALLA DIRETTRICE DEL MUSEO DI PENNE

Nascita ed evoluzione del Musap

Il Museo Archeologico “G.B. Leopardi”, situato a Penne, offre un’ampia esposizione sui reperti del territorio Vestino a partire dalla Preistoria.                                                                                                                            

Il giorno 15 Febbraio è avvenuto l’incontro con la Dottoressa Laura Cutilli, direttrice del Museo Archeologico, per approfondire la storia del museo, le attività che si svolgono al suo interno e il ruolo che ha sul territorio.                                                                                                                                                        

Quando e com’è nato il museo?                                                                                                       

I lavori di ristrutturazione dell’edificio che ospita il museo, sede del palazzo Vescovile, sono iniziati negli anni ’90. Nel 2001 il primo piano è stato inaugurato come sede museale, a seguito di un accordo tra il Comune di Penne, la Soprintendenza Archeologica dell’Abruzzo, la Curia Vescovile e l’Università D’Annunzio di Chieti.

Quali reperti vi sono all’interno?                                                                                                 

Sono presenti circa mille reperti archeologici che coprono un arco cronologico che va dalla Preistoria al Medioevo e raccontano la storia del popolo Vestino che abitava in età preromana una porzione di territorio compresa tra le attuali provincie di Pescara e L’Aquila.

Ogni anno quanti turisti visitano il museo e da dove?                                                              

Considerando complessivamente l’area del Duomo nella quale sono compresi la cripta e il museo, sono state registrate all’incirca quattromila presenze. Si tratta in gran parte di turisti italiani ma si può riscontrare una percentuale crescente di turisti europei, per lo più di lingua tedesca e inglese. 

In quale periodo c’è maggior affluenza?                                                                                               

La maggior affluenza si registra da aprile fino ad ottobre.

Svolgete laboratori con le scuole? Se si, quali?                                                                                         

Il museo svolge con le scuole elementari laboratori didattici che riguardano lo studio e il disegno dei reperti. Collabora con i Licei di Penne, con cui nell’anno scolastico 2016/2017 ha realizzato il percorso virtuale del museo archeologico, e con l’Istituto G. Marconi sia in progetti di didattica che in attività di alternanza scuola-lavoro. 

Quanta partecipazione c’è da parte dei ragazzi?                                                                                  

I ragazzi sono coinvolti attivamente nella vita del museo: ad esempio, durante il periodo estivo, gli studenti del Marconi accolgono e guidano i turisti all’interno del museo. Attualmente la classe 3 A Turismo del Marconi sta svolgendo nel museo un corso sulla gestione degli eventi artistici e culturali e spero che questo rappresenti un primo passo per coinvolgere i giovani nelle attività di gestione della struttura.

Cosa apprendono i bambini da questi laboratori?                                                                               

I bambini delle elementari nelle attività di laboratorio hanno un approccio diretto con i reperti archeologici e questo consente loro di apprendere in modo più veloce e divertente quelle materie che sono abituati a studiare solo sui libri.

Vi sono riscontri positivi o negativi sull’affluenza dei visitatori?                                                                

Nonostante l’anno appena concluso sia stato particolarmente difficile per il nostro territorio, i dati di affluenza sono rimasti pressoché invariati rispetto agli anni precedenti.

Quali sono le vostre aspettative future?                                                                                       

Poter incrementare le attività culturali con mostre ed eventi.

Si ringrazia la dottoressa Laura Cutilli per la disponibilità dimostrata.          

                                                                   A cura di Benedetta Palazzolo e Francesca Core                                                    

 


Parole chiave:

intervista , museo , Penne

Condividi questo articolo





edit

Scrivi su Scuolalocale clear remove

Scrivi un articolo e invialo alla redazione di un Istituto.
account_circle
email
local_phone
pin_drop
Seleziona la redazione a cui inviare il tuo articolo

edit
mode_edit
Foto attach_file
Indietro
thumb_up

Il tuo articolo è stato inviato alla redazione da te indicata!

Attendi una loro risposta, grazie!

doneChiudi
Racconta la tua esperienza in un progetto di alternanza Scuola-Lavoro.
Inserisci i tuoi dati, seleziona il progetto e racconta la tua esperienza. La redazione e il capo-redattore riceveranno e pubblicheranno il contenuto su Scuolalocale, nell’area progetti Scuola-Lavoro.
account_circle
email
local_phone
pin_drop
Seleziona la redazione del tuo Istituto o quella alla quale vuoi inviare il tuo articolo
Seleziona il progetto che vuoi raccontare. Non c'è? Chiedi subito al tuo tutor aziendale di inserirlo!
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
Foto attach_file
Indietro
thumb_up

Il tuo articolo è stato inviato alla redazione da te indicata!

Attendi una loro risposta, grazie!

Invia la tua Idea clear remove

Descrivi la tua idea e inviala a Scuolalocale.
account_circle
pin_drop
Seleziona il tuo Istituto

Seleziona l'ambito della tua idea

mode_edit

thumb_up

La tua idea è stata inviata a Scuolalocale!

Grazie!

doneChiudi
Chiudi
Chiudi