Dentro - Spettacolo teatrale nel carcere di Avezzano con i detenuti come protagonisti
 
Stai leggendo il giornale digitale di M. Vitruvio P. su
Clicca qui per leggere il giornale di un altro Istituto.

Dentro

Spettacolo teatrale nel carcere di Avezzano con i detenuti come protagonisti

Il giorno 2 dicembre 2017 noi studenti del Vitruvio abbiamo partecipato allo spettacolo teatrale tenutosi presso la Casa Circondariale “San Nicola” di Avezzano. Dopo un breve controllo e dopo aver depositato tutti i nostri oggetti personali siamo entrati nell’edificio principale. Abbiamo dovuto superare diverse porte blindate ed una volta entrati ci siamo trovati in una nuova realtà. Camminando in un carcere si ripensa a tutti i film visti in TV e in alcuni momenti si arriva anche a riviverli. Lì dentro è freddo, cupo e nemmeno le pareti colorate di un color celeste “cielo” riescono a rallegrare l’atmosfera. Dopo un breve tragitto, ci siamo recati in un cortile, nel quale un container aveva funzione di “teatro”. Appena entrati in questo container abbiamo notato da subito i detenuti che finivano di ripassare le loro parti e sistemare gli abiti di scena. Lo spettacolo, durato circa 40 minuti, ha raccontato diverse storie, riguardanti temi moralmente difficili come la malavita e la corruzione, ma in veste comica. E’ stato bello vedere come quelle persone siano riuscite a trovare un sorriso anche in situazioni del genere, donandolo anche a tutti noi presenti. Nonostante alcune imprecisioni lo spettacolo è stato ben riuscito e alla fine un caloroso applauso ha congedato i “fieri” attori, che ci hanno consegnato anche delle caramelle come ringraziamento per la partecipazione. Usciti da quelle quattro grandi mura abbiamo respirato profondamente e ci siamo detti “libertà”; nonostante il poco tempo trascorso in esse infatti, siamo lo stesso riusciti a sentire quanto fosse forte la sensazione di oppressione. Questa esperienza ci è servita molto per scoprire la realtà che molte persone vivono quotidianamente, nella speranza che anche per loro arrivi presto il giorno in cui dire “libertà”.

                                                                                                                                                                                                                                    Vincenzo Quattrociocchi, Flavio Cotti Zelati

                                                                                    

mostra dedicata a Sislej Xhafa al MAXXI di Roma

di Redazione M. Vitruvio P.


Condividi questo articolo



 


    edit

    Scrivi su Scuolalocale clear remove

    Scrivi un articolo e invialo alla redazione di un Istituto.
    account_circle
    email
    Seleziona la redazione a cui inviare il tuo articolo
    mode_edit
    Foto attach_file
    Indietro
    thumb_up

    Il tuo articolo è stato inviato alla redazione da te indicata!

    Attendi una loro risposta, grazie!

    doneChiudi
    Racconta la tua esperienza in un progetto di alternanza Scuola-Lavoro.
    Inserisci i tuoi dati, seleziona il progetto e racconta la tua esperienza. La redazione e il capo-redattore riceveranno e pubblicheranno il contenuto su Scuolalocale, nell’area progetti Scuola-Lavoro.
    account_circle
    email
    Seleziona la redazione del tuo Istituto o quella alla quale vuoi inviare il tuo articolo
    Seleziona il progetto che vuoi raccontare. Non c'è? Chiedi subito al tuo tutor aziendale di inserirlo!
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    Foto attach_file
    Indietro
    thumb_up

    Il tuo articolo è stato inviato alla redazione da te indicata!

    Attendi una loro risposta, grazie!

    Chiudi
    Chiudi